Real Giardino

Il Real Giardino, un piccolo paradiso da esplorare

La storia della sua nascita

Nel mese di settembre 2018, presso la sede del Consiglio di Municipio 2 di Milano, si inizia a parlare di un bene condiviso in Quartiere Adriano nell’ambito del Progetto Luoghi Comuni, con Fondazione Cariplo, Labsus e Italia Nostra; lo scopo era trovare un bene pubblico che fosse da “curare” e prenderlo in carico. Un recupero a tutti gli effetti di un’area dismessa.
Nella primavera del 2019, trovato il luogo, l’Associazione ViviAdriano e le altre realtà citate iniziano, di fatto, un vero e proprio percorso di ripristino dell’area in oggetto, un’area che si trova di fianco al Real Crescenzago, angolo Via Brambilla, totalmente in quel momento abbandonato.
Le principali operazioni iniziali compiute dai nostri soci (Maurizio e Simonetta) e dagli altri volontari, che per passione seguivano e seguono il progetto, riguardano diversi aspetti.
Portano via il materiale abbandonato da anni, tagliano la siepe, tinteggiano la porta e la recinzione, risistemano le mattonelle autobloccanti (per consentire l’accesso alle carrozzine), iniziano a sistemare il verde.
Grazie al Dott. Manuel Bellarosa, botanico del Giardino di Brera, si effettuano le prime semine, quali Papaveri, Fiordalisi, Girasoli, Tagete, Calendule e non solo; piante officinali come Salvia, Rosmarino, Timo, Lavanda, Menta; infine Amaranto e Ricino, non proprio comuni, eppure di larga soddisfazione per la loro altezza e bellezza in foglie, di lunga durata.
Il terreno inizia così a restituire un sorriso con Topinambur e Canne palustri, cresciute spontaneamente, per poi, sempre con l’aiuto di tutti i volontari (tra cui Manuel, Silvio e Ugo), accogliere tre roseti, con fiori spettacolari, una pianta di Viburno, una di Glicine e, come se non bastasse, due tralci di Vite Nera americana.
E come non ricordare il lavoro ad alcune porzioni di tronco che, grazie soprattutto ad Italia Nostra, sono ora tavolini, panche e una specie di trono.
Inevitabile, in questa fase, conoscere nuove persone deliziose: Angelo, Rosalba e Marilena, semplici cittadini, poi diventati soci di ViviAdriano, e Carlo e Marco del Real Crescenzago.

La storia del suo nome

Il nome nasce da sé, senza troppi ripensamenti. Perché? Eravamo ospiti del Real Crescenzago, in quanto ufficialmente loro proprietà e riconoscenti verso la loro disponibilità a fornire tavolini, sedie, ombrelloni e altre necessità. Una storia semplice, ma figlia di un rapporto di condivisione.

I primi incontri

Pian piano altre persone si avvicinano al Giardino, tra cui Gina, il marito Rosario (idraulico prezioso per la riparazione del lavandino e dei collegamenti per l’irrigazione e lo scarico), Grazia e il suo gruppo di giocatrici di Burraco, alcune “sarte” della cascina San Paolo e persone che non conosciamo, ma che tutt’ora ringraziamo per un regalo ricevuto sotto il cancello: un cartello con la scritta REAL GIARDINO e un disegno, come insegna provvisoria.

I primi eventi e la firma del Patto di Collaborazione

Il primo evento è stato quello con l’Assessore Lipparini per la firma del Patto di Collaborazione, ma ne seguono tanti altri con ViviAdriano spesso organizzatrice.
Tra queste l’Aperitivo d’autunno, la Festa di Natale con le classi della scuola elementare San Mamete, con cori e bellissime decorazioni per la recinzione del Giardino, senza dimenticare la lezione del Dott. Manuel Bellarosa sulla riproduzione mediante Talea per moltiplicazione di salvia, rosmarino, lavanda e menta.

La riorganizzazione e le attività consentite o sospese

Partiva a questo punto la riorganizzazione delle successive attività.
Ripreparato il terreno per le piantumazioni primaverili e messo a dimora alcune piantine di viola, con la piantumazione di semi raccolti in autunno, si inizia a pensare a pali per la creazione di una copertura ombrosa con uva e glicine, ad un corso con il Dott. Bellarosa di orticultura da balcone, ad una giornata di vendita di abbigliamento per raccogliere fondi sociali, all’intervento di un coro per serate di musica, agli attori della compagnia teatrale “San Papier” di piazza Costantino, a lezioni sulla crescita delle piante con alcune classi prime della scuola elementare…
…ma tutto è stato bloccato dal Covid19.
Ora, con la ripresa, è possibile andare al giardino in pochi e con le mascherine, nel rispetto della distanza, è possibile curare le piante, ma dobbiamo attendere per gli eventi.

Un nuovo esperimento

Recentemente è stata fatta una nuova esperienza in questo paradiso, per la precisione lunedì 1 giugno. Un esperimento del Dr. Paolo Biella dell’Università di Milano Bicocca e di alcuni colleghi, tra cui il Dr. Galimberti. Uno studio per comprendere che pollini vengono raccolti dagli impollinatori urbani, in particolare i Bombi (insetti impollinatori, ma diversi dall’ape da miele). Lo scopo della ricerca è quello di monitorare il funzionamento ecosistemico del servizio di impollinazione in ambiente urbano e di confrontare quanto ottenuto con analoghi esperimenti svolti in altre parti della città.

Ringraziamenti

Ringraziamo il Comune di Milano, Labsus, Fondazione Cariplo, il Botanico Manuel Bellarosa, Silvio Anderloni di Italia Nostra, Carlo, presidente del Real Crescenzago, i volontari Rosalba, suo marito Angelo e Ugo, i cittadini che sono passati per dare una mano, senza dimenticare Marilena, Grazia, le signore della cascina San Paolo, Eva, Caterina, Giovanna, Gina e Rosario, la maestra Tonina, le sue colleghe e i loro alunni. E soprattutto Simonetta e Maurizio, i nostri angeli che hanno avuto anche la cura di raccontarci ogni passaggio che hai letto.

Non ci fermiamo qui

L’Associazione ViviAdriano continuerà ad occuparsi di questo spazio, in collaborazione con le altre realtà firmatarie del Patto. Inoltre ti invitiamo a seguirci su tutti i nostri canali Social per rimanere aggiornati o per contattarci per una visita al Real Giardino.

Real Giardino insegna a - Associazione ViviAdriano
Real Giardino manutenzione a - Associazione ViviAdriano
Foto coniglietti Real Giardino in verde - Associazione ViviAdriano
Aperitivo condiviso 2 foto - Associazione ViviAdriano